Aggiornamento sul Black Friday

Sembra che Doyle Brunson sappia davvero quando passare la mano e abbandonare un tavolo da gioco. Dallo scorso maggio ha iniziato a circolare la voce che questa leggenda del poker volesse abbandonare la poker room online che porta il suo nome, DoylesRoom.com.

Benché Brunson non ha mai commentato pubblicamente le ragioni di questa sua drastica azione, altri professionisti del settore che collaborano attivamente nel sito sopracitato hanno confermato che Brunson se ne sta andando in fretta e furia per evitare potenziali ripercussioni legali. E in effetti questo colorito personaggio l’ha vista giusta dato che solo pochi giorni prima la sua dipartita un gran giurì federale del Maryland ha emesso una serie di rinvii a giudizio nei confronti di 10 domini di poker online, tra cui DoylesRoom.com.

Le accuse sono state portate contro Darren Wright e David Parchomchuk di ThrillX, un fornitore di soluzioni software, e Annie Marie Puig di BMX Entertainment, società che gestisce sei siti di giochi su Internet. Tutti e tre gli imputati sono stati accusati di gestire dei conti per un business illegale di gioco d’azzardo e riciclaggio di denaro.

L’avvocato del Distretto del Maryland Rod J. Rosenstein ha detto in un comunicato stampa: “E ‘illegale per gli operatori di giochi e scommesse in Internet fare affari nel Maryland, indipendentemente da dove il gestore del sito si trova, “Non possiamo permettere che i gestori dei siti esteri viólino la legge semplicemente perché hanno la loro sede al di fuori del Paese”.
Ecco una lista dei 10 domini che sono stati sequestrati:

Bookermaker.com
2Betsdi.com
Funtimebingo.com
Goldenarchcasino.com
Truepoker.com
Betmaker.com
Betgrandesports.com
Doylesroom.com
Betehorse.com
Beted.com

Secondo l’accusa, gli imputati sono stati accusati di possedere e gestire sale da gioco d’azzardo illegale off-shore e le imprese hanno fatto affidamento sul sistema bancario statunitense per facilitare lo spostamento dei fondi.

Undici conti bancari, che si trovano in più parti del mondo tra cui Portogallo, Guam, i Paesi Bassi e Stati Uniti, sono stati sequestrati. Se condannati, tutti e tre gli imputati rischiano fino a un totale di 25 anni di carcere.
Se di recente, siete stati coinvolti nella chiusura di una delle sale da poker sopra elencate, allora è consigliabile trovare delle poker room europee che non abbiano avuto nessuna relazione con questi siti oltre oceano. Siti come Bwin poker, WPT poker ed 888.com non sono stati colpiti da nessun procedimento cautelare negli USA e son tuttora le piattaforme piú sicure sul mercato.

Aggiornamento sul Black Fridayultima modifica: 2011-05-31T16:26:37+00:00da tribo78
Reposta per primo quest’articolo